Microsoft si sta adoperando per far sì che nel prossimo futuro Windows 10 divenga  il sistema operativo di tutti i dispositivi connessi. In quest’ottica, nel senso di un interesse sempre maggiore per l’Internet delle Cose (IoT), va letta l’uscita di una build disponibile per Raspberry Pi  e Arduino.

Windows 10 per Arduino

Windows 10 per Arduino

Giovedì 30 aprile alla Build conference di San Francisco una demo organizzata da Microsoft ha fatto girare Windows 10 su entrambi i dispositivi. La demo mirava a sfruttarne le schede in vista di creare alcune funzionalità per l’Internet delle Cose, come ad esempio abilitare un controllo remoto su un dispositivo Arduino o costruire una videocamera usando le schede in modo tale da farle operare come una videocamera di sicurezza. Tutto ciò va letto nell’ambito della futura missione impostasi da Microsoft: ossia di far girare Windows 10 su oltre un miliardo di dispositivi entro i primi due o tre anni di vita del nuovo sistema operativo.

Schede di sviluppo come Raspberry Pi avranno un ruolo fondamentale nel tentare di portare a termine quell’obiettivo. La popolarissima Pi, peraltro, non è la sola scheda di cui Microsoft è in procinto di interessarsi; la particolare versione di Windows 10 che fa girare —  Windows 10 IoT Core — è compatibile con le schede MinnowBoard MAX, Intel Sharks Cove, Galileo e la Qualcomm DragonBoard 410C. Microsoft intende anche indurre l’enorme comunità Arduino a lavorare con Windows 10. Il Windows Virtual Shields permette infatti, ad esempio, ai dispositivi Arduino di accedere attraverso un modulo Bluetooth a tutti i sensori di uno smartphone Lumia tra i quali GPS, accelerometro, microfono e così via.

windows-IoT-avrmagazine

Invece di munirsi di costosi scudi multipli, le schede di sviluppo potranno usufruire di smartphone Windows a basso costo, come l’economicissimo Lumia 530, già provvisto di sensori di serie.  La funzione che permette a qualsiasi Windows Universal App di inviare comandi verso  un dispositivo Arduino è diventata poco più di un gioco da ragazzi. Grazie al software libero Windows 10 IoT Core, la versatilità delle Universal App, porting semplicissimo da iOS Android, Hololens, e un web browser completamente rinnovato in grado di far girare estensioni di ChromeFirefox, Microsoft  sta certamente facendo ogni cosa in suo potere per far sì che il sogno del miliardo di dispositivi diventi una solida realtà.