Diciamo prima la notizia buona o quella cattiva? Siamo ottimisti: cominciamo con quella buona: Apple ha comunicato che in tutti i paesi in cui è previsto il lancio dell’Apple Watch sarà possibile ritirare in negozio gli ordini che, come sappiamo, dovranno esclusivamente avvenire online. La cattiva notizia è oltre al fatto che la data in cui potranno essere ordinati gli orologi non è ancora stata rivelata, i tempi di spedizione nei paesi dove la vendita è già iniziata sono slittati di diverse settimane.

apple-watch-steel-avrmagazine

Anche la possibilità di ottenere il ritiro presso lo store selezionando l’opzione al momento della prenotazione sta subendo comunque dei rallentamenti, visto che sull’Apple Online Store l’opzione continua a essere ancora definita “available soon” ossia presto disponibile. Finora, infatti tutti gli ordini effettuati online sono stati o — nella maggior parte dei casi — saranno spediti unicamente via corriere espresso nelle case e negli uffici o aziende di chi ha effettuato l’ordine.

apple-watch-ordine-avrmagazine

 

In un primo momento pare che ci fosse anche la possibilità sia di prenotare sia di ritirare direttamente il prodotto in negozio,  e che sarebbe dovuta essere disponibile a partire dal 24 aprile; in séguito Apple ha stabilito che gli ordini sarebbero unicamente dovuti avvenire online e che la spedizione sarebbe stata evasa esclusivamente via corriere. probabilmente in ragione dell’enorme richiesta di fronte a una scarsa disponibilità dovuta anche al problema dei Taptic Engine difettosi.

apple-watch-gold-avrmagazine

Ora avviene l’ennesimo cambio di decisione e chi preferisce andare a prendersi l’Apple Watch nello Store può tirare un sospiro di sollievo. Quando l’opzione di ritiro presso gli store sarà attivata, i clienti potranno selezionare il negozio più vicino al momento della prenotazione. Gli acquirenti saranno altresì tenuti a presentarsi muniti di documento di identità valido, tenendo presente che il nome della persona che avrà effettuato la prenotazione online dovrà corrispondere all’intestatario del documento di riconoscimento.