Nuova arrivata in casa Italiaonline S.p.A. e già segnalata fra le migliori nuove app dello store Apple, Food in Italy è quella che ci consentirà di accedere ai segreti culinari di tutto lo Stivale.

Food in Italy applicazioni per iPhone avrmagazine

Non appena installiamo Food in Italy e decidiamo di darle un’occhiata, ciò che subito cattura la nostra attenzione è di sicuro la grafica pulita e piacevole sui toni del verde e del nero che fa da ottima cornice alle notizie e alle fotografie pubblicate nella pagina principale. Inoltre il servizio di geolocalizzazione farà sì che in ogni regione le notizie siano diverse e selezionate ad hoc.

Ovviamente è possibile curiosare nelle sezioni dedicate ad ogni regione, ma di certo non è questa la funzione più interessante che Food in Italy ha da offrici. Nella sezione “Cosa stai cercando?”, già accessibile dalla home page, possiamo notare i tre pulsanti di “Prodotti tipici”, “Denominazione vini” e “Produttori”.

foodinitaly-avrmagazine

Se andiamo poi a cliccare sul menù laterale che si aprirà alla nostra sinistra, potremo accedere ad una tendina che non comprende soltanto le tre selezionabili già dalla home, ma anche una raccolta di ricette e alle informazioni inerenti ai fatti più salienti della nostra regione e di quelle limitrofe.

Food in Italy è disponibile soltanto per i dispositivi iOS ed è ottimizzata per iPhone, iPad e iPod Touch. Per quanto il download sia totalmente gratuito, la pubblicità non è fastidiosa e si riduce ad un banner posizionato sul fondo dello schermo che non andrà mai ad interferire con la nostra navigazione.

Quella di Italiaonline S.p.A. è un’applicazione perfettamente godibile e priva di quei difetti che altrimenti non le avrebbero permesso di rientrare tra le app migliori della settimana secondo l’App Store.

L’estate ormai è arrivata da un po’, ma sulla scia delle ferie in avvicinamento applicazioni sul genere sono ormai all’ordine del giorno. L’aspetto, però, più che positivo di Food in Italy è la caratteristica di non essere un’app “vacanziera”, ma anzi adatta a tutti i periodi dell’anno.

Se prima di oggi alcuni cibi tipici sarebbero rimasti un segreto riservato agli autoctoni, da oggi abbiamo la possibilità di conoscerli e magari persino di riprodurli, oppure semplicemente di acquistarli dai migliori fornitori italiani.