Nell’alveo dell’istituzione di YouTube Newswire, piattaforma di giornalismo partecipativo annunciata la scorsa settimana, ieri Google ha presentato una nuova iniziativa chiamata News Lab.

YouTube Newswire avrmagazine

Si tratta di un grande progetto per organizzare risorse giornalistiche provenienti da contesti differenti. In un post sul suo blog ufficiale Google chiarisce la propria intenzione di collaborare con giornalisti e imprenditori per creare una sorta di mappa del futuro dei media.

In quest’ottica l’azienda di Mountain View vuole costruire un vero e proprio laboratorio che aiuti i giornalisti ad utilizzare nel modo migliore gli strumenti, le funzionalità e i servizi forniti da Google nel processo di costruzione delle notizie.

Questo non significa tanto lo sviluppo di nuovi prodotti. quanto l’implementazione di quelli esistenti. Si tratterebbe quindi di elaborare buone pratiche per agenzie di stampa che utilizzino apps come Maps, YouTubeTrends e il motore di ricerca con l’intento di coprire più esaustivamente le notizie in tempo reale, utilizzare i dati disponibili online e infine diffonderle nei vari canali di Google.

Oltre a ciò l’azienda sta già collaborando con redazioni e testate giornalistiche al fine sviluppare progetti specifici per la prossima generazione di reporter.

Questi segnali indicano che Google, al pari di molti suoi competitor, ormai considera l’attività giornalistica come un industria in cui investire risorse umane e materiali. Dopo tutto, una cura particolare nella produzione e nella diffusione di notizie di qualità è destinata ad attirare più utenti e inserzionisti nei servizi di Google.

Google News Lab avrmagazine

Facebook ha lanciato un servizio analogo lo scorso anno, espressamente dedicato ai giornalisti, e non più di un mese fa ha presentato Instant Articles per rafforzare la propria leadership nella distribuzione delle notizie.

Allo stesso tempo Snapchat ha recentemente strappato alla CNN il cronista politico Peter Hamby per affidargli la direzione della sua nuova sezione giornalistica.

Per non parlare di Twitter, che la scorsa settimana ha presentato il progetto Lightning, basato sul lavoro di professionisti del settore che curano la diffusione delle migliori notizie sul social network.

Le aziende tecnologiche, insomma,  non vedono l’ora di diventare piattaforme giornalistiche.

Fonte | Google Official Blog