Recensione: Alcatel OneTouch Fire con Firefox OS

Firefox OS  è il nuovo sistema operativo Open-Web per smartphone, sviluppato da Mozilla e arrivato in Italia grazie alla collaborazione tra Alcatel e Telecom Italia, che hanno lanciato il OneTouch Fire a  79€. Come si può supporre dato il prezzo, il device è un entry-level, quindi di seguito le sue caratteristiche.

Processore:Qualcomm MSM7227A da 1 GHz
Memoria RAM:256 MB
Display:3,5 pollici con risoluzione 480 x 320 pixel e 165ppi
Memoria interna:512 MB espandibili via microSD (una da 2 GB è fornita in dotazione)
Fotocamera posteriore:3,2 Megapixel con acquisizione video a VGA a 30 fps
Fotocamera anteriore:Assente
Batteria:Capacità 1400 mAh
Connettività:3G, Wi-Fi 802.11 b/g/n, Bluetooth 3.0, A-GPS
Peso e spessore:108 grammi per 12,2 millimetri
Sistema Operativo:FirefoxOS 1.1.0.0

 

Il dispositivo è presente in tre colori, Bianco, Bianco/Arancio  e Bianco/Verde, la confezione contiene cellulare, batteria, cuffie di scarsa fattura e caricatore. I materiali sono solidi e gradevoli al tatto, il vetro del display si sporca facilmente, gli unici tasti fisici sono quelli del volume a sinistra in alto, quello di accensione in cima a sinistra, e il tasto soft-touch HOME frontale (non presenti “indietro” e “menù”). Non mancano il sensore di luminosità, il LED di notifica (che si illumina solo quando è in carica), un entrata micro-usb in basso e un jack audio in cima a destra.

Le funzioni di Firefox OS sono ancora in “rodaggio”  anche se in realtà ne ha alcune (come il Multitasking e la Barra delle Notifiche con accesso diretto a wifi, bluetooth, mod. aereo e impostazioni) che ne iOS ne Android implementavano ai loro albori. Inutile dire che non troveremo tutte le chicche che i suoi rivali hanno testato ed aggiunto in questi anni, (manca per esempio il Copia e  Incolla).

L’hardware non permette comunque grandi prestazioni, anche se si suppone sia stato implementato di proposito per dimostrare la “Leggerezza” del sistema.

La caratteristica principale del SO è la possibilità di istallare qualsiasi web-app, essendo sviluppato in HTML 5. Questo gli da un grosso vantaggio, perché non richiede una programmazione ad-hoc. Nella schermata Home è presente la funzione “cerca”, che fornirà tutti i risultati possibili  a qualunque parola ricercata (per farvi un esempio, se si scrive “Viaggio”, i risultati spazieranno da Trip Advisor a Booking, da Google Translate a Google Maps, da Trenitalia a Hostel Word, dal Meteo a qualunque altra cosa possa servire).

Quindi di norma le app saranno costituite dalle versioni mobili dei vari siti web, anche se non obbligatoriamente (per darvi un idea di Facebook: http://touch.facebook.com) che una volta aggiunte alla Home saranno aperte da un app  (suppongo sia un lettore HTML 5) e non dal Browser (che ovviamente è Firefox). Quest’ ultimo  permette una navigazione fluida come ci si aspetta, ma nei limiti dello smartphone, infatti si possono avere vari crash con siti mediamente pesanti.

Venendo alle funzioni quotidiane, per chiunque sia abituato ad un smartphone, si troverà  con una carenza di app da non sottovalutare, ma non è questo il problema principale, il dispositivo a parte le già citate peculiarità si trova ad avere dei limiti, che non giustificherei eccessivamente con il prezzo, ad esempio la fotocamera fa scatti accettabili solo in un ambiente ben illuminato, e non conviene proprio provare a fare video, buono invece il comparto audio.

Segnaliamo la presenza di HERE Maps di Nokia che, in combinazione al GPS, funziona egregiamente. Il terminale come ci si aspetta da Alcatel ha una buona ricezione del segnale, e la qualità delle chiamate è ottima (quindi almeno abbiamo un cellulare). Le impostazioni sono strutturate come in Android ma con molte voci in meno (niente Hotspot), la batteria arriva a fine giornata, anche perchè non c’è molto da fare per stressarla.

I contatti possono essere importati da Gmail, Outlook ecc, ma non sincronizzati. Manca Whatsapp, ma al momento grazie alle API rilasciate dagli sviluppatori è possibile collegarsi alla sua rete con l’applicazione ConnectA2, ancora in versione Alpha. La tastiera da qualche problema se si scrive troppo velocemente. Per la cronaca il miglior gioco disponibile attualmente è Cut the Rope (io mi diletto con la Torre di Hanoi).

In ogni caso e per qualunque problema, Mozilla ha garantito aggiornamenti molto frequenti quindi, dando fiducia al OS, non ci resta che aspettare (è ovvio che non giocheremo mai a Real Racing 3, ma non è a questo che aspiriamo).

In conclusione, ad oggi consiglierei l’ Alcatel Onetouch Fire a tutti i pionieri della tecnologia, (ma non all’ utente che ha bisogno delle ottimizzazioni di Samsung per usare Android), allo stesso tempo per il prezzo e la nuova esperienza di software spingerei tutti quelli “ne masticano” a comprarlo, probabilmente non per usarlo come primo telefono.