Microsoft ha detto e ripetuto svariate volte che  Windows 10 sarebbe stato il sistema operativo deputato a essere installato su dispositivi di qualsiasi tipo, dai telefoni cellulari ai computer da tavolo di casa.

 

Windows 10 IoT Core

Windows 10 IoT Core

Ora, però, il nuovo sistema operativo di Redmond  sta anche arrivando su piattaforme di un altro tipo.

 

Ieri sera l’azienda ha reso pubblico il suo rilascio del sistema operativo Windows 10 IoT Core, una versione ridotta del sistema operativo appositamente sviluppato per l’utilizzo con dispositivi che andranno a costituire il cosiddetto Internet delle Cose (IoT). 

Windows 10 IoT Core sarà installato su dispositivi come il Raspberry Pi 2 e il Minnowboard Max, ed è in grado di funzionare anche su apparecchiature che sono sprovviste di uno schermo. 

Windows 10 IoT Core è una versione più leggera del nuovo sistema operativo di Redmond e per questo motivi non ci sarà alcun display di interfaccia o di utilizzo per i desktop.

 

Windows-10-IoT-Core-avrmagazine-2

Al contrario gli sviluppatori dovranno creare un’app universale che sia in grado di funzionare come vera e propria interfaccia per i dispositivi che saranno controllati dal nuovo sistema operativo. Un’anteprima di Windows 10 IoT Core era stata presentata per la prima volte nello scorso mese di maggio,  durante la conferenza Microsoft Build, ma ci sono comunque stati, da allora, dei significativi aggiornamenti al sistema operativo.

Fra gli altri vale la pena ricordare la piena operatività dei servizi di Wi-fi e Bluetooth, rendendo così possibile il collegamento dei dispositivi con il web.

Altri miglioramenti includono un supporto più efficace per il linguaggio di programmazione ad alto livello Python e per la soluzione server-side per JavaScript Node.js, e delle nuove API per la la piattaforma Windows universale (Universal Windows Platform) che spinge le app di Windows 10.

 

Windows-10-IoT-Core-avrmagazine-3

La casa di Redmond sostiene che Windows 10 IoT Core sia stato progettato con un buon livello di accessibilità per rendere così possibile la costruzione di prodotti professionali, e inoltre che lavori con svariati linguaggi di programmazione open source.

Microsoft sta aggiungendo parecchi campioni di codice per i dispositivi IoT su Github e si è anche impegnata per facilitare la comunicazione fra le schede Arduino e Windows 10.

Appare evidente che Microsoft voglia fare di Windows 10 il sistema operativo di riferimento per tutti i tipi di dispositivi connessi.

 

Windows-10-IoT-Core-avrmagazine-5

Chi fosse interessato alla creazione di software per l’Internet delle Cose dovrebbe innanzitutto la versione di lancio di Windows 10 (Build 10240) e Visual Studio 2015 sul proprio dispositivo dio sviluppo. Lo stesso Windows 10 IoT Core può essere scaricato gratuitamente qui.