Dopo una conferenza rivolta agli sviluppatori e la presentazione di un primo prototipo, sono state appena diffuse una serie di immagini che ritraggono Project Ara,*il tanto discusso smartphone componibile made in Google.* L’obbiettivo di Project Ara è creare un dispositivo personalizzabile in ogni suo componente, dal processore alla Ram, dalla fotocamera al display, così da [&hellip
Dopo una conferenza rivolta agli sviluppatori e la presentazione di un primo prototipo, sono state appena diffuse una serie di immagini che ritraggono Project Ara,*il tanto discusso [Contenuto visibile solo agli utenti Registrati] componibile made in Google.*

L’obbiettivo di Project Ara è creare un dispositivo personalizzabile in ogni suo componente, dal processore alla Ram, dalla fotocamera al display, così da aggiornarci a nuove tecnologie, senza la necessità di acquistare nuovi [Contenuto visibile solo agli utenti Registrati]. Ciò garantirebbe la massima personalizzazione e la creazione di dispositivi unici e su misura, da aggiornare man mano finanze permettendo.

La tecnologia alla base è tanto semplice quanto complessa. Infatti i pezzi andranno agganciati su una piastra madre, in cui i vari connettori dovranno interagire con determinati componenti più o meno fondamentali. Questi si classificano per importanza ed interagiranno fra loro anche con tecnologie terze che ne rileveranno la presenza ed il funzionamento.

Come dalle immagini, i componenti attualmente sono frutto di una progettazione stilistica minima, vista l’assenza di un design chiave che armonizzi il tutto. Ci aspettiamo, seguendo la linea su cui si base il progetto, la possibilità di scegliere al momento dell’acquisto materiali e stili differenti, in modo tale da combinarli fra loro e personalizzare anche l’aspetto del dispositivo.

Project Ara, secondo molti esperti nel settore, vedrà la luce durante la seconda metà del 2015.

[Contenuto visibile solo agli utenti Registrati]



[Contenuto visibile solo agli utenti Registrati]