Non è un mistero che già da almeno*un paio d’anni*l’iPod non fosse*più il business di*una volta per*Apple, ma nonostante tutto, almeno sino all’altro ieri, l’azienda era restata affezionata a uno dei simboli della sua esplosione. Tutto questo, però, da lunedì 8 giugno, giorno di apertura della Apple Worldwide Developers Conference 2015, è cambiato, come è […]
Non è un mistero che già da almeno*un paio d’anni*l’iPod non fosse*più il business di*una volta per*Apple, ma nonostante tutto, almeno sino all’altro ieri, l’azienda era restata affezionata a uno dei simboli della sua esplosione.

Tutto questo, però, da lunedì 8 giugno, giorno di apertura della Apple Worldwide Developers Conference 2015, è cambiato, come è cambiato anche il menù superiore del sito di Cupertino, da cui l’iPod è scomparso, sostituita dal nuovo servizio di streaming on line [Contenuto visibile solo agli utenti Registrati].
Ovviamente questo non significa che il caro e vecchio iPod sia scomparso, magari grazie a un colpo di bacchetta magica della strega della Mela.
Lo si può ancora trovare sul website di Apple, ma occorre fare un clic supplementare, prima su “Store” e poi su “Acquisti iPad”.
Lo si trova*anche quasi al fondo della pagina dedicata a Music, il nuovo servizio di streaming di Cupertino.

Tuttavia, la modificazione del menù, per quanto minima, è molto significativa. Negli ultimi due resoconti quadrimestrali Apple ha incorporato le vendite dell’iPod con quelli di Apple TV, Beats Electronics e altri accessori, senza riportare il numero delle vendite, indicando*soltanto i ricavi.
L’ultima volta in cui Apple incluse i dati di vendita dell’iPod in un rendiconto quadrimestrale risale all’ottobre 2014.
Nel quadrimestre precedente ne erano stati vendute*2.761.000 unità, per un ricavo di circa 410 milioni di dollari, una cifra*ridicola rispetto ai volumi delle vendite di*iPad, iPhone e*Mac*e*da allora le vendite non devono certo essere aumentate.

Perchè mai, dunque, Apple ha insistito, sino all’altro ieri, nel*mettere in evidenza l’iPod come uno dei suoi prodotti al top della gamma?
Perché, comunque, si tratta di uno dei prodotti più importanti della storia dell’azienda della Mela. L’iPod ha dominato le vendite dei riproduttori musicali per tutto lo scorso decennio e ha*reinsediato Apple nel novero dei grandi produttori mondiali dell’elettronica di consumo.
Chi si sentisse dispiaciuto per la crisi dell’iPod non dovrebbe*in realtà esserlo. Il dispositivo non è veramente andato in pensione, almeno fino a quando Apple non ne cesserà la vendita e, quando lo farà, continuerà a fare il suo dovere, integrato nell’iPhone.

La verità è che, con la commercializzazione di un gran numero di modelli*come l’iPhone 6, l’iPhone 6 Plus, l’iPhone 5S e l’iPhone 5C, a prezzi molto differenziati, l’iPod ha perso quasi ogni attrattiva.
*