Apple Pay è un innovativo sistema di pagamenti contactless che utilizza l’NFC e il Touch ID di iPhone 6, iPhone 6 Plus e Apple Watch.


Compatibile quindi con gli ultimi dispositivi presentati al Keynote di qualche giorno a dietro, Apple Playgestirà in locale i dati relativi le nostre carte di credito/debito/prepagate, rendendole disponibili ogni qualvolta vorremo pagare tramite tecnologia contactless.
Anche se non arriverà in Italia e in Europa prima di qualche anno, il sistema sta già prendendo piede negli USA, vista la partecipazione dei maggiori istituti di credito e di numerose catene molto presenti nel territorio statunitense.
Il pagamento richiederà pochi istanti, sarà estremamente sicuro, visto l’utilizzo di una memoria criptata per la custodia dei dati e del touch ID per la conferma della transizione, e comodo, considerando che potremo lasciare in cassaforte le varie carte, senza perderle o dimenticarle prima di uscire.

Altrettanto veloce e sicura è la memorizzazione dei vari metodi, tramite l’utilizzo della fotocamera di iPhone e di una veloce conferma con l’istituto di credito di appartenenza.
Apple Pay funziona anche con numerosi siti online (Apple Store, Groupon, ecc…), nei quali potremo pagare utilizzando, tramite Safari o App proprietaria, una scheda Passbook con i dati relativi la carta che intenderemo sfruttare.

Trattasi quindi di un servizio sicuramente innovativo, che evidenzia la voglia di uscire dai soliti schemi e di formare un vero e proprio deck di servizi che soddisfino l’utente iOS a 360 gradi.
Apple Pay sarà disponibile con il rilascio di iPhone 6 e iPhone 6 plus negli USA. Non abbiamo dettagli sulla diffusione del servizio in Europa.