Come già annunciato un paio di mesi fa Microsoft non ha intenzione di escludere gli utenti che non agiscono interamente sul suo ecosistema dalle nuove funzionalità di Windows 10.

Phone Companion e Cortana su Android e iOS

Infatti, in un video presentato il 26 maggio dal capo settore dei sistemi operativi Joe Belfiore, la casa di Redmond ha fatto sapere che i sistemi operativi mobili concorrenti, tanto Android quanto iOS, potranno installare un’app, denominata Phone Companion, che permetterà agli utenti di poter accedere ai contenuti presenti sul proprio PC da qualsiasi dispositivo preferiscano, comprendendo anche la possibilità di usufruire dei servizi di Cortana.

Phone Companion, disponibile dalla fine del prossimo mese di giugno sia per Android sia per iOS, comunica con il proprio PC dando accesso a funzionalità come quella di accedere alle foto, ai brani musicali oppure ad altri file che sono stati salvati su OneDrive con la possibilità di effettuare il backup automatico sull’account OneDrive dal proprio telefono.

Come è noto l’assistente virtuale, Cortana, è inclusa nel desktop di Windows 10 e sarà anche possibile configurarne le funzionalità tanto da Android quanto da iOS.

Su Android opererà grazie a un app dedicata separata, mentre la compatibilità con iOS è stato definita “in arrivo”, ma è probabile che in questo caso Cortana rimanga integrata nel Phone Companion.

siri-avrmagazine

Nella dimostrazione su un dispositivo Android, effettuata nel video di Microsoft, l’assistente virtuale di Windows 10 ha fornito informazioni sulle previsioni atmosferiche e ha provveduto a memorizzare un promemoria fornitole vocalmente dall’utilizzatore, predisponendone anche il relativo avviso acustico.

Siri, l’assistente di iOS è ovviamente legata alla sua piattaforma, e sarà interessante vedere se e come Microsoft riuscirà a far coesistere ed eventualmente interagire le due assistenti.

Sarà anche interessante vedere se le potenzialità di Cortana saranno simili a quelle ottenibili sul proprio sistema operativo nativo oppure se sugli altri ecosistemi si verificherà una diminuzione delle funzionalità.