Come spesso accade per applicazioni neonate e particolarmente recenti, il primo rilascio è sempre in sordina e gli store, oltre che le redazioni che ne stanno alle spalle, evitano di pubblicizzarle troppo, lasciando agli sviluppatori il tempo di modificarle e perfezionarle. Questo è proprio il caso de L’Alveare il cui nuovo aggiornamento è stato rilasciato da sole poche ore e, esattamente come sostengono di aver fatto gli autori, è evidente come il lavoro sia stato serio e approfondito. Scopriamolo insieme.

Volendo prima di tutto partire con un’analisi della grafica realizzata, così di primo acchito, è piuttosto piacevole e in linea con quella che è l’idea di base dell’applicazione. Offrendo quello che è a conti fatti un servizio a tutti gli effetti, L’Alveare deve per forza di cose essere un’applicazione chiara e sintetica, oltre che ovviamente facile da utilizzare. Questo il motivo per cui i comandi intuitivi e il minuscolo, ma esplicativo, tutorial iniziale ben si sposano con una grafica flat particolareggiata e minimalista allo stesso tempo.

Ciò che L’Alveare si propone di fare è il risultato di tutte le varie campagne di sensibilizzazione che, sempre più spesso man mano che andiamo avanti nel tempo, i mass media ci propongono così da suggerirci modi e soluzioni utili a limitare uno spreco di cibo considerato essere uno dei più grandi problemi dei giorni nostri. Applicazioni come queste, sempre meno rare sugli store online, si propongono di aiutare negozianti, produttori e consumatori a venirsi incontro per far sì che nulla venga sprecato.

Nel caso specifico de L’Alveare, il concetto di base si spinge ancora un passo oltre. Alla sensibilizzazione anti sprechi, si accompagna in maniera stretta quella invece rivolta ad un mangiar sano necessario per noi, per la nostra salute e quella della nostra famiglia. Basterà infatti far partire il localizzatore interno all’app per individuare gli alveari a noi più vicini.

Gli Alveari altri non sono se non produttori e negozianti iscritti a questa rete proposta dall’applicazione e che pubblicano, con una certa regolarità, i loro prodotti mettendoli in vendita. Sarà possibile quindi acquistare cibo ed alimenti direttamente dal menù interno e ritirare la merce acquistata presso il rivenditore selezionato.

Per ora L’Alveare è disponibile solo per dispositivi iOS, sia iPhone che Tablet e ovviamente il download è totalmente gratuito.