Fra pochi giorni dovrebbe essere presentata la nuova proposta di streaming musicale di Apple che dapprima si affiancherà al servizio fornito da Beats Audio, acquistato lo scorso anno dalla Mela per tre miliardi di dollari, per poi sostituirlo definitivamente.

apple-streaming-avrmagazine

Secondo un resoconto del Wall Street Journal l’annuncio dovrebbe essere reso noto durante la prossima World Wide Developers Conference che sarà inaugurata a San Francisco la settimana prossima.

La piattaforma di streaming a due livelli dovrebbe uscire come un’aggiornamento di Music, app musicale di Apple.

“Le solite fonti bene informate”, riferisce il WSJ, “confermano che la Mela ha accelerato le trattative con le case discografiche per poter annunciare in tempo il servizio, anche se con tre delle più importanti major come Sony, Warner Music e Universal Music, l’accordo non è ancora stato firmato, evenienza che potrebbe ritardare la presentazione, anche se il Journal lo ritiene molto improbabile.

L’offerta a pagamento dovrebbe costare 9,99 dollari al mese e fornire accesso illimitato, proprio come i futuri competitori Spotify, Rdio e Deezer. L’offerta a libero accesso, invece di mettersi in competizione con Spotify, sarà più che altro un’espansione del servizio radio di iTunes.

apple-streaming-avrmagazine

Piuttosto di fornire un servizio di streaming supportato dalla pubblicità, l’azienda pensa di aggiungere alla radio di iTunes una serie di stazioni simili a Pandora ( un servizio disponibile solo in USA, Australia e Nuova Zelanda che consente agli utenti di creare delle stazioni radio virtuali con l’inserimento di un pezzo o di un esecutore che piaccia all’utilizzatore) e una scaletta di programmazione originale.

Si parla anche di contatti con artisti del calibro di Q-Tip, Drake e Dr. Dre per farli esibire dal vivo sulla futura piattaforma.

Non sarebbe la prima volta che Apple si avvale della collaborazione di stelle della musica per lanciare nuovi servizi, come accadde per il lanci di iTunes Radio con la partecipazione di dj d’eccezione come Katy Perry e Jared Leto che crearono le loro playlist dedicate.

apple-streaming-avrmagazine

Pure molto interessante è la notizia che Apple dovrebbe anche fornire la versione Android dell’applicazione.

Apple ha già un’altra app per Android, fra l’altro è proprio quella di Beats, ma fu lanciata prima dell’acquisizione da parte di Cupertino e quindi, tecnicamente, in questo caso si tratterebbe di una novità assoluta.

Per quanto riguarda la stessa Beats Audio, per ora non subirà cambiamenti, ma nel corso dei prossimi mesi gli utenti saranno spostati sulla nuova piattaforma.