Chirp è un’applicazione per iOS e Android che ormai risale a qualche anno fa e che possiede l’inconsueta caratteristica di condividere file attraverso l’invio di suoni. Chirp in inglese è un sinonimo di tweet, ossia cinguettio, l’app trasmette un’URL  agli smartphone vicini, con la stessa tecnologia utilizzata dai vecchi modem analogici sulle linee telefoniche, permettendo poi di scaricare immagini, link o quant’altro.

Chirp esce in SDK

Chirp esce in SDK

I dati non sono contenuti ovviamente nelle frequenze emesse, ma sono prima condivisi in un cloud e in séguito il link di accesso è convertito in suono. La trasmissione non è influenzata da ambienti rumorosi perché l’app è ottimizzata per la ricezione delle sole frequenze generate dal programma.

chirp-avrmagazine

Una volta avviata Chirp, basta soltanto agire sul tasto + sulla barra inferiore a destra per aggiungere alla condivisione una foto, una nota o un link: a questo punto verrà emesso un vero e proprio cinguettio digitale per due o tre secondi.

Questo segnale modulato dà la possibilità  a Chirp di mandare il contenuto da condividere a tutti gli smartphone situati nelle prossimità che chiaramente abbiano anch’esso installata l’app. chirp-avrmagazine

In questi giorni l’app è stata dotata di una SDK per sviluppatori, in modo da renderne possibile l’implementazione. I creatori di Chirp sostengono che oggi  si può fare molto con una semplice URL e che vi potranno essere degli interessanti sviluppi non solo nel campo della condivisione, ma anche nel modo di effettuare i pagamenti online e nel gaming. La SDK per Android e iOS è ancora in versione beta privata, ma può essere richiesta mediante un’iscrizione effettuabile sul sito di Chirp.

The app was not found in the store. 🙁

The app was not found in the store. 🙁