Beet è un’app di comunicazione sociale per iOS che consente di filmare brevi video, di sei secondi, di scene della vita di tutti i giorni assemblandoli poi automaticamente nel film di un’intera esistenza.

Beet  applicazioni per iphone avrmagazine

Questi video possono poi essere condivisi sul network, senza che vi si possano riscontrare delle analogie con Snapchat.

Beet, piuttosto, possiede qualche somiglianza con Vine, anche se dimostra di ricercare maggiore spontaneità.

Dopo essere stato lanciato senza tanti clamori nello scorso mese di febbraio Beet ha appena ricevuto un nuovo aggiornamento, che permette agli utenti di organizzare molto facilmente i loro momenti quotidiani in piccole storie che possono essere riviste sul proprio profilo in aggiunta alla grande narrazione globale della propria vita.

Un altro piacevole miglioramento consiste nella possibilità di effettuare registrazioni in alta definizione.

Sfidando il luogo comune che vuole che su servizi come Facebook e Instagram si debbano per forza condividere i momenti salienti della propria vita, Beet vorrebbe incoraggiare i propri utenti a registrare i semplici accadimenti dalla propria vita di tutti i giorni, senza obbligatoriamnete attendere che avvenga qualcosa di straordinario, o lo si faccia, piuttosto, accadere per forza.

Beet  applicazioni per iphone avrmagazine

Agli utenti di Beet vengono suggeriti profili da seguire oppure viene data loro l’opportunità di effettuare l’accesso con l’account di Facebook per poter seguire, e farsi seguire, dai propri amici.

La timeline dell’app mostra contenuti delle 48 ore più recenti di ognuno degli utenti che si seguono. Durante la visione dei video essi possono effettuare un tap per proseguire o effettuare due tap, o di più, per dare la loro approvazione all autore o all’autrice dei filmati.

Continuando a condividere video gli utenti contribuiscono ad accrescere la loro “grande narrazione” dentro l’app. Il discovery feed di Beet aiuta a ricercare o a trovare le storie più popolari o di tendenza, come pure le nuove clip del giorno,  che sono presentate come Today on Beet.

Gli utenti ne possono seguire altri attraverso questo “discovery feed”, oppure ricercarli manualmente. Con quest’ultimo aggiornamento, gli utenti possono organizzare le proprie riprese in storie individuali, creare storie di gruppo con i propri amici oppure creare storie pubbliche a cui chiunque può accedere.

Beet  applicazioni per iphone avrmagazine

Adesso l’app prevede la possibilità di moderare le storie, in cu il proprietario deve approvare ogni nuovo inserimento prima che sia aggiunto al gruppo.

Beet incoraggia brand e organizzazioni a scaricare l’app, offrendo anche tutorial e training online per marchi che vogliano utilizzare Beet come parte della loro campagna social.

Beet è scaricabile gratuitamente sull’App Store e sarà presto disponibile anche su Android.

The app was not found in the store. 🙁 #wpappbox

Links: → Visit Store → Search Google