Nove mesi dopo l’annuncio Mozilla ha finalmente rilasciato su Google Play Store, sebbene ancora soltanto nella versione beta, l’app gratuita per Android di Webmaker, lo strumento per l’alfabetizzazione web e la creazione di contenuti in lingue locali, destinato principalmente ai paesi in via di sviluppo.

Mozilla Webmaker applicazioni per android avrmagazine

L’applicazione in questione si limita però alla creazione di contenuti con testi e immagini, come gallerie fotografiche, memi e scrapbook.

Dopo aver lanciato l’applicazione per creare un progetto ci si ritrova con una serie di pagine vuote.

Mozilla Webmaker applicazioni per android avrmagazine

È possibile aggiungervi del testo, delle foto importate dall’archivio fotografico o direttamente dalla fotocamera e posizionarle nelle pagine per raccontare una storia o condividere un’idea.

Una volta terminato il progetto, si potrà condividerlo con altri utenti che possono guardarlo e poi “rimiscelarlo” nelle loro produzioni.

Vi è anche una galleria per scoprire nuovi contenuti proveniente dalla community. Webmaker è ancora molto sperimentale e ha ancora bisogno di parecchio lavoro prima di essere pronto per l’esordio ufficiale.

Mozilla Webmaker applicazioni per android avrmagazine

L’interfaccia non è propriamente intuitiva e manca del tutto qualsiasi tipo di modello o di template, obbligando così l’utilizzatore all’auto apprendimento.

I neofiti potrebbero evidentemente restare intimoriti dal confronto con le pagine vuote.

L’aggiunta di testo e immagini risulta alquanto rudimentale e le funzionalità per modificare i contenuti, come ad esempio uno strumento di ritaglio, scarseggiano.

Mozilla Webmaker applicazioni per android avrmagazine

Benché Mozilla dichiari che l’app sia stata testata estensivamente da volontari in Bangladesh, Kenya, Brazil e India, non sono presenti molti contenuti da osservare o riadattare.

Webmaker ha bisogno di un approccio molto più intuitivo, dal momento che dovrà essere usato da persone che navigheranno e useranno smartphone per la prima volta.

È comunque interessante esaminare il punto di vista di Mozilla su un mondo che deve cambiare.