Chi, come chi scrive quest’articolo, ha una certa età non può non ricordare con una certa tenerezza telefoni come il Motorola MicroTac o lo StarTac.

 

Samsung Anycall predecessore del LG Gentle

Samsung Anycall predecessore del LG Gentle

I flip phone, noti un tempo anche come clamshell, fino a pochi anni fa facevano furore ed oggi il team di designer di LG, colto probabilmente da un accesso di nostalgia, ha deciso di sviluppare e creare l’LG Gentle per un mercato, quello orientale che, non  dimentichiamolo, è stato l’ultimo ad abbandonare i flip phone e solo per la necessità imposta dai touch screen dei nuovi dispositivi interattivi.

L’anziano articolista, anzi, conserva memoria di alcuni tentativi, ad esempio con il Samsung Anycall se i ricordi non lo ingannano, di mantenere la forma a conchiglia nei suoi primi approcci con l’ecosistema del robottino verde, un lustro fa o poco meno.

Tornando all’LG Gentle, il dispositivo cerca appunto di associare a un design d’antan la tecnologia moderna, coniugata nell’ultimissima versione di Android Lollipop, la 5.1.

LG-Gentle-avrmagazine-2

L’LG Gentle potrebbe essere l’ideale per gli utenti della terza età, e infatti l’anziano tecno-cronista non disdegnerebbe affatto potervi mettere le mani sopra, dotato com’è di un’ampia tastiera ideale per coloro i quali abbiano mani o dita grandi e impacciate con i touch screen, per non parlare della vista corta.

Vista che purtroppo potrebbe essere messa alla prova dal display, ovviamente touch, da soli 3,2 pollici da 480 x 320 pixel, con la modestissima densità di 181 pixel per pollice. Il processore che spinge il Gentle è un quad core da 1,1 GHz con 1Gb di RAM e 4Gb di ROM, espandibili attraverso lo slot per scheda microSD.

LG-Gentle-avrmagazine-1

Lo smartphone ha una batteria da 1.7oo mAh ed è predisposto per la connettività 4G LTE. Come già accennato prima l’LG Gentle ha installato Android 5.1 Lollipop e molto presumibilmente la casa coreana ha introdotto alcune modifiche all’interfaccia per adattarla alla presenza della tastiera e alle dimensioni ridotte dello schermo.

Il prezzo previsto dovrebbe essere intorno ai 170 euro e purtroppo non si prevede che il dispositivo possa essere messo in commercio, il che è un vero peccato, dal momento che molti nostalgici utenti europei americani potrebbero essere molto interessati a venirne in possesso, e fra essi anche l’autore di questo articolo. Speriamo in un’improvvisa modifica delle strategie di mercato di LG.